Eventi e concerti Fantabosco 2018


SABATO 18 AGOSTO ORE 18-18,40

 

Matto Bagatto e Re

Recital di un Apprendista Mago 

con Enrico Francese

 

Per adulti.

Scritto, diretto ed interpretato da chi vive di armonia tra divenire e ritorno alle origini 

Per chi vuole ascoltare di Musica e Tarocchi


SABATO 25 AGOSTO ORE 10,30-11,30

 

Incontro-conferenza

LA CASINA DEI BIMBI

 

Le maestre dell'asilo steineriano di Salerno presenteranno questa nuova realta' nata da pochi mesi sul nostro territorio. Ci racconteranno la nascita e lo sviluppo di questo progetto, insieme ad un breve accenno alla pedagogia di Steiner.

Potremo fare domande e chiedere delucidazioni.

 


SABATO 25 AGOSTO ORE 11,30-13

 

BAGNO DI GONG E CAMPANE

con Teodoro Castolo

 

Il suono del Gong e il Bagno Armonico nelle sue straordinarie vibrazioni sono un’esperienza intensa e avvolgente, dal sorprendente potere curativo.
Il suono è essenzialmente una vibrazione: tutto ciò che vibra emette un suono, che sia percepibile dall’orecchio umano o meno.

Ogni cosa, che siano oggetti o i nostri stessi corpi, possiede dunque una sua vibrazione e un suo “suono”, in quanto costituito da particelle infinitesimali in continua vibrazione.

Nella musicoterapia, nelle pratiche spirituali, nei percorsi di benessere acquista sempre più importanza la ricerca e l’utilizzo del potere della vibrazione per armonizzare e riequilibrare il corpo e non solo. Le onde sonore stimolano la nostra pelle in modo simile al massaggio, producendo effetti sugli organi corrispondenti; frequenze particolari guidano la mente a rilassarsi e focalizzarsi; i suoni di particolari strumenti possono innalzare lo spirito verso il trascendentale. 


SABATO 25 AGOSTO ORE 20

 

 EcoPerformance di Danza MU,

Danza Teatro Rituale

“Linfa Verticale”

 

 Io albero io corteccia io verticale

Io antica, colonna vertebrale, ossa, passo lento che si snoda un anello dietro l’altro mani e occhi chioma verso

Piedi sostanza, centro della terra.

 

L’esperienza del corpo come albero, una visione ben stereotipata ripercorsa da millenarie culture, da innumerevoli pittoriche, si ripresenta, senza alcun timore di risultare banale demagogia, bensi mi rivelo  nel  diritto a piantare i miei alberi, il mio nutrimento, il mio rifugio, le mie memorie, le mie ombre, nei luoghi e negli spazi con cui risuono.

 Sia per restituire, riformulare le matematiche illogiche a me poco affini del massacro agli alberi, restituire un atto d’amore all’infinito scempio.

Tra terre arse cammino, arse non solo da ri-sentimenti ormai scaduti , come una confezione di surgelati al super mercato, “la terra del rimorso”, come le chiamò De Martino, riferendosi ad un altro scorcio di Noi, gente del Sud, dove Noi resta una fetta di umanità ancora in equilibrio, tra l’essere divorata e il saper riavvolgersi in resilienze continue.

Faccio strada e cammino nel Non Rimorso, l’Hoponopono dell’amore restituito al male, l’azione del bene che si rinfresca senza rivendicazione. Pianteremo un albero e lo faremo nella poesia del corpo.

 Donna Radici,

Donna àncora e sostegno,

Nutrimento e figlianza,

Cammino, strada.

Donna storia lenta, raccolto, nenia.

Corpu prima ri lu tempu.

 

Contatti:

Dara Siligato 389 51 55 787

 

darasiligato@ymail.com  www.jinorganica.com

 

 


SABATO 25 AGOSTO ORE 21

 

Concerto

EMIAN pagan folk

 

Dalla   cultura   delle   aree  Celtiche  a quella  del  Nord Europa, passando  per ballate   Medievali   e   canti  sciamanici:

la musica degli EMIAN PaganFolk  è una sintesi tra linguaggi folk Nordeuropei e Mediterranei.

Un   canto  ammaliante  che  rapisce  lo spettatore, accompagnandolo  su  cime innevate,  in boschi incantati  e  lungo   fiordi  Scandinavi, per  ritrovare infine, nel  suo  Io   più   profondo,  un  sentore arcaico  e   selvaggio  che   ormai   aveva perso da tempo.

Il   tutto  in   perfetta   sintonia  con  il Cosmo. 

EMIAN PaganFolk  nasce  il  21  Dicembre 2011,  al  Solstizio d' Inverno.

La  sua  musica  esprime   un'  adesione a scelte di vita ancestrali, lontane dalla frenesia contemporanea  e   vicine a valori  antichi  e  naturalistici. 

Componenti:

Emilio A. Cozza:  percussioni,  violino, ghironda, nyckelharpa, santur persiano, cornamusa, arpe  a bocca, flauti, voce

Anna Cefalo:   arpa celtica,  cucchiai,  nacchere, harmonium   indiano,  bodhràn, voce

Danilo Lupi: bouzouki,  basso,  mondol algerino, cori 

Martino  D' Amico:   batteria,    chitarra,   davùl, percussioni, santur  persiano, voce