L'OUTSIDER COME DESTINO

 Cara Anima, se sei arrivata fin qui, se stai leggendo questo articolo, è arrivato per te  il momento di capovolgere la tua visione degli eventi. Non sei qui per caso.

Invece di piangerti addosso e sentirti una vittima, inizia a considerare la possibilità che tu hai scelto di venire qui a fare esperienza, l'esperienza dell'outsider, delll'apripista, del pioniere, che percorre nuove strade.

Tutti gli eventi che hai vissuto erano già stati previsti e concordati, affinchè tu potessi fare delle scelte, per diventare te stessa, essere te stessa.

Non è facile, lo so, perchè l'ho sperimentato in prima persona. Sarai vista come folle, come una "strana", fuori dagli schemi, non compresa, non accettata, sola. In realtà non sei mai stata sola. Con te c'era sempre il tuo sposo sotterraneo.

Sappi che tutte le tue cicatrici ti hanno resa più forte. Ricordati chi sei. 

Ama tutte le immagini, che tu hai creato, amale profondamente. Ognuna ha contribuito a risvegliarti e a ricordarti la tua missione.

 

Paola Biato

 

LA RIBELLIONE E' AMORE

 

La ribellione è la conseguenza del potente richiamo dell’anima selvaggia. Probabilmente questa forza che avete dentro vi avrà causato non pochi guai, soprattutto tra i sedici e i trent’anni e adesso, forse, la temete e pensate di doverla ricacciare chissà dove. Non fatelo! Anzi, coltivatela dentro di voi, come una piantina affacciata sul balcone della vostra vita.

La ribellione, forse, vi ha causato guai, perché vi ha impedito di stare dentro ai banchi di scuola, vi ha fatto troncare una carriera per la sua intolleranza verso le istituzioni, vi ha fatto rifiutare il fidanzato ricco e per bene, magari anche bello e sensuale; la ribellione ha bisogno di esistere come imperativo assoluto dell’anima.

Quando sei molto giovane pensi che, comunque, avrai tante altre possibilità nella vita e così non afferri l’occasione, ma passi: lasci gli studi, lasci l’impiego, lasci il fidanzato. Magari poi, quando sei più vecchia te ne penti.

Ma non sia mai che tu ti dica: “se fossi stata meno ribelle …” Non devi dirtelo, perché la ribellione è il tesoro più prezioso che possiedi e adesso che sai quanto le fortune che passano sono preziose, non puoi più permetterti di lasciare andare la tua ancora una volta.

Poiché sei una donna, la tua grande fortuna è nella tua ribellione stessa. Metti da parte le tue paure e le tue ferite e lascia che la tua ribellione abbia voce dentro di te ancora una volta.

Bisogna farsi capaci di non vedere solo le singole persone e i singoli eventi, ma di comprendere le energie che li muovono.

Prova a distogliere lo sguardo dai singoli eventi che ti sono capitati e cerca di percepire il vento che te li ha portati.

Se il destino ti ha dato tante grandi occasioni e non le hai prese, probabilmente la tua anima selvaggia ha una potenza straordinaria.

Adesso lascia perdere il modo di ragionare comune, deponi i soliti valori che misurano il vantaggio e lo svantaggio personale dal punto di vista del patricentrismo, sei una donna e devi imparare ad annusare l’aria, a camminare nei boschi a piedi nudi e a ruggire.

Guarda le cose dal punto di vista della tua anima selvaggia e ti sorprenderai di come tutto cambi e si illumini di nuova luce.

 

(Selene Calloni Williams, dispensa Risvegliare l'anima)